Era certa di aspettare dei gemelli fino a quando non fece una scoperta inattesa.

Bild: Katrina Elena / Shutterstock.com

Il sogno di un figlio può rappresentare per una coppia un obiettivo condiviso da inseguire, che delle volte V iene raggiunto felicemente, mentre altre può rivelarsi un percorso difficile e doloroso verso la realizzazione di un sogno.

Accade che, contro ogni aspettava, si debba fare i conti con l‘impossibilità di procreare di uno dei due partner e si debba decidere se optare per un percorso alternativo che consenta una gravidanza, un’adozione o se rassegnarsi alla natura che ci lavora contro e rinunciare. Questo tipo di interrogativi incidono fortemente sull‘equilibrio emotivo di una coppia con tutto quello che ne consegue, ma spesso coinvolge anche le rispettive famiglie d‘origine. Che non raramente con i loro consigli e pareri amorevoli aggiungono stress allo stress.

1. Un desiderio grande

Bild: George Rudy / Shutterstock.com

I protagonisti di questa storia, David e Laurèn, sono una delle tante coppie che, per mesi, cercano in tutti i modi di concepire un figlio. Per oltre un anno e mezzo i due avevano adottato tutte le strategie che li avrebbero dovuto portare alla realizzazione del loro sogno comune.  

Dalla misurazione della temperatura basale fino alle app per il calcolo dei giorni dell’ovulazione: la giovane coppia non aveva lasciato nulla di intentato. Ma mentre il tanto desiderato figlio continuava a farsi attendere, con il passare del tempo lo stress aveva cominciato a farla da padrone e l’armonia che regnava tra i due innamorati, aveva preso a vacillare. 

2. Dopo averle tentate tutte

Diventare genitori non sempre è un percorso facile, a volte può essere complesso fin dal tentativo del concepimento, questo però non deve scoraggiare. Non si può mai sapere cosa ci riserva la vita. Sicuramente non  potevano sapere cosa avrebbe loro riservato la vita questi sposini del Texas che, da diverso tempo, cercavano, senza successo, di avere un bambino.

Lauren e David Perkins avevano deciso infine, dopo numerosi, tanto infruttuosi quanto frustranti tentativi, di affidarsi alle cure di un medico specialista. Quando Lauren finalmente era rimasta incinta i due erano entusiasti, e mai avrebbero potuto immaginare quello che sarebbe successo durante l’ecografia.

3. Un amore nato tra i banchi

Bild: C5 Media / Shutterstock.com

L’amore tra Lauren e David era uno di quegli amori da favola che tutti sognano; i due ragazzi si erano conosciuti tra i banchi universitari e avevano passato ogni momento insieme, fin dal loro primo appuntamento. Era stato proprio durante una partita di calcio americana, disputata nei campi della Baylor University, che David e Lauren erano usciti la prima volta ufficialmente come coppia.

Il loro amore si era consolidato poi nell’anno 2007, anno in cui erano convolati a più che felici nozze, diventando i coniugi Perkins. La nuova famiglia aveva quindi deciso di allargarsi nel 2010, anno in cui al suo interno era entrato un nuovo, simpatico amico peloso: il cane Maggie. 

4. Una famiglia da sogno

Bild: Rido / Shutterstock.com

Per quanto possiamo essere consapevoli del fatto che spesso i nostri progetti di vita rimarranno tali senza mai realizzarsi, è inevitabile sognare il proprio futuro personale, di coppia e di famiglia. E nei sogni di Lauren c’era una bella e grande famiglia; era sicura che con David avrebbero avuto bambini, un maschio e una femmina, con tre anni di differenza l’uno dall’altra

Nelle fantasie di Lauren, lei viveva una vita tranquilla e felice, circondata da una famiglia numerosa. Non sempre però i sogni divengono realtà e, dopo tanti mesi di tentativi che non avevano condotto allo sperato successo, il progetto di Lauren era ancora soltanto un bel sogno.

5. Chi la dura la vince?

Bild: George Rudy / Shutterstock.com

Cercare di concepire una bambino e non riuscirci è un processo duro e doloroso che, purtroppo, diverse coppie devono affrontare, così come accadde a Lauren e David. Diversi erano stati infatti i tentativi di questa coppia che per un anno e mezzo aveva cercato di ampliare la propria famiglia.

Stanchezza e frustrazione avevano messo a dura prova questi due giovani così pronti a dare amore e determinati a tal punto che avevano persino accettato di seguire anche i consigli scientificamente meno attestati, prima di rivolgersi a un medico specialista. Erano disposti a tutto pur di poter vedere comparire le fatidiche due linee sul test di gravidanza, ma sembrava che il destino avesse  in serbo un piano differente per i Perkins.

6. La solitudine di un segreto

Il fatto di non riuscire ad avere figli era un fardello che, per diverso tempo, Lauren e David avevano deciso di portare sulle loro spalle senza condividerlo con nessuno. Nè le rispettive famiglie nè i numerosi amici della coppia erano infatti a conoscenza del dispiacere che i Perkins provavano quotidianamente.

Seppure la giovane coppia non avesse colpa di quello che stava accadendo, Lauren e David provavano un‘irrazionale forma di vergogna nel parlare del loro problema. Così avevano affrontato la delusione e il senso di sconfitta da soli, fino a quando, un giorno, lo sconforto aveva vinto e avevano deciso di parlarne finalmente con qualcuno.

7. La scelta di un percorso

Bild: Reshetnikov_art / Shutterstock.com

Prima di confidarsi e consultarsi con i propri cari, la giovane coppia ha però deciso di rivolgersi a uno specialista. Dopo essersi informati sui possibili medici da consultare, David e Lauren hanno infine individuato, tra i molti specialisti che si occupano di problemi di infertilità, un medico che faceva al caso loro e hanno fissato un primo appuntamento. 

Prima della visita, avrebbero dovuto sottoporsi a una serie di esami che avrebbe consentito una veloce ed efficace anamnesi che, a sua volta, avrebbe portato alla prescrizione di una terapia ad hoc. Purtroppo però, il costo delle terapie proposte dallo specialista, si rivelava assolutamente fuori dalla portata dei due giovani. La coppia aveva quindi dovuto scartare questa soluzione e ripartire dal Via.

8. Tutti abbiamo bisogno di qualcuno

A David e Lauren diventava sempre più chiaro che non sarebbero riusciti a portare a termine il loro progetto senza un aiuto economico e psicologico da parte delle loro famiglie. Il loro timore che queste avrebbero reagito in modo critico o, peggio ancora, con compassione alla loro confessione, si rivelò invece del tutto infondato. I due ricevettero solamente gesti di solidarietà e offerte di sostegno da parte dei loro cari.

Tutti i parenti cercarono dunque di trovare una soluzione che avrebbe consentito ai due giovani sposi di realizzare il loro grande sogno. Dapprima tornarono a vagliare nuovamente le soluzioni proposte dallo specialista che la Lauren e David avevano già consultato.

9. Ricominciare più determinati che mai

Bild: Goran Bogicevic / Shutterstock.com

Ora che le rispettive famiglie erano state aggiornate,  Lauren e David riacquistarono immediatamente la fiducia oltre alla certezza che si sarebbe trovata una soluzione al problema. Con l’appoggio morale e pratico dei loro cari, i Perkins decisero intanto di affrontare le indagini che sarebbero state necessarie ad appurare le cause della loro infertilità, per poi decidere se fosse il caso o meno di intraprendere il percorso delle varie terapie possibili.

Mediamente un terzo delle cause dell’infertilità è attribuibile all’uomo, un terzo alla donna . Vi sono però molti casi in cui non si riesce a stabilire la causa che, all’interno della coppia, è all’origine dell’infertilità.

10. Una coppia unita

Bild: Kitja Kitja / Shutterstock.com

David  e  Lauren erano legati da un amore solido e anche nei momenti più difficili. David non aveva negato la sua consueta solidarietà alla moglie in quel momento in cui per prima doveva affrontare una serie di indagini che si sarebbero rilevati stressanti per lei. Peraltro lo stress è uno die fattori che contribuiscono fortemente a una possibile infertilità; era quindi assolutamente da evitare. 

Il giovane sposo faceva di tutto per alleggerire la vita di Lauren: la coccolava acquistando i suoi cibi preferiti o portandola fuori a cena, ma era anche un bravo cuoco e spesso preparava lui la cena. Insomma, cercava in tutti i modi di creare un clima sereno, anche se questo non avrebbe impedito a entrambi di parlare per ore di quello che più di un problema rischiava ormai di trasformarsi in un’ossessione. 

11. Una via per ritrovare la tranquillità

Bild: Inga Pracute / Shutterstock.com

Lauren e David decisero, di comune accordo, di intraprendere un viaggio che avrebbe consentito loro di allontanarsi, almeno per un po’, non solo materialmente, ma anche psicologicamente, dallo stress che li stava schiacciando. Si unirono dunque a un gruppo di missionari che si stava recando in Nicaragua, con la speranza che un cambio di luogo li avrebbe rilassati. Anche questa volta però le cose non accaddero secondo quanto previsto dalla giovane coppia. 

Durante il loro soggiorno in Nicaragua, un pastore, nonostante fosse del tutto ignaro del problema che assillava gli sposi, predisse a Lauren che un evento eccezionale la stava attendendo. Mentre pronunciava queste parole,  il pastore poggiò le mani sullo stomaco della donna.

12. Certezze rinnovate

È stato così, grazie alle parole apparentemente casuali di un pastore, che i due giovani sposi hanno ritrovato la fiducia nella vita,  nel futuro e nel legame che li univa. Sono tornati a casa più determinati che mai a raggiungere il loro obiettivo.

Lauren e Davide erano sicuri: avrebbero concepito il loro primo figlio superando qualsiasi tipo di ostacolo che si frapponeva tra loro e la realizzazione del sogno condiviso. Si sarebbero sottoposti a qualsiasi tipo di terapia, uniti dal loro amore e dalla certezza di volere un figlio biologico. L’idea di una possibile adozione non era invece un’opzione che la coppia voleva prendere in considerazione.

13. Il primo intervento

Bild: carroti / Shutterstock.com

Lauren e David hanno dunque analizzato accuratamente tutte le possibili opzioni scientifiche a loro disposizione. Infine sono giunti alla conclusione che l’inseminazione intrauterina avrebbe corrisposto alla soluzione più adatta a loro. Con questo tipo di procedimento, lo sperma viene iniettato direttamente nell’utero. Gli spermatozoi raggiungono così in tempi ridotti le tube di Falloppio, aumentando le probabilità di fecondazione. 

Questo tipo di processo vanta una percentuale di riuscita che si aggira intorno al 25%, di contro però è un intervento indolore e dai costi piuttosto contenuti.  Se anche le probabilità di successo non erano particolarmente alte, la coppia decise quindi di a sfidare la sorte cominciando dall’inseminazione artificiale. 

14. Avanti uniti

Bild: lissa93 / Shutterstock.com

Alle volte, nella vita bisogna fare con i limiti che essa ci pone davanti, e bisogna accettare che non sempre quello che vogliamo è quello che possiamo ottenere; questi percorsi, forse i più dolorosi e lunghi che ci troviamo ad affrontare, sono quelli che David e Lauren hanno dovuto vivere come coppia. 

Non sempre le coppie riescono a rimanere unite in questi momenti, ma i Perkins sono riusciti ad affrontare una delle sfide più ardue: rinunciare a un concepimento completamente naturale a favore di un aiuto da parte della scienza.Abbandonato quindi il progetto di una fecondazione naturale, i Perkins iniziarono la preparazione per il percorso dell’inseminazione intrauterina in una clinica della fertilità. Alcuni  timori, tanti dubbi; eppure la coppia era più unita che mai.

15. La lunga attesa

Bild: Lori Jaeski / Shutterstock.com

L’attesa e la preoccupazione per il risultato sono sicuramente tra i momenti più stressanti da affrontare dopo un intervento di inseminazione artificiale. Nei giorni immediatamente successivi è fondamentale riuscire a restare sereni, senza focalizzare la propria attenzione sulla speranza di una gravidanza, cercare di distrarsi e continuare a condurre il proprio quotidiano senza particolari variazioni. 

Il medico dei Perkins disse loro che, prima della fine delle due settimane successive all’intervento, non avrebbero potuto avere risultati attendibili. Furono quattordici giorni lunghi di attese e di desideri ma infine passarono. E giunse il momento di scoprire se la vita di Lauren e David sarebbe cambiata per sempre.

16. Le due fatidiche linee

Bild: Ramona Heim / Shutterstock.com

Passate le due settimana e di attesa, Lauren si recò in farmacia per acquistare un test di gravidanza e, per andare sul sicuro, o forse piuttosto per insicurezza, ne acquistò un lotto intero. Si sa, l’accortezza non è mai troppa. Il lotto risultò poi non essere necessario: fin dal primo test effettuato comparvero due belle linee marcate.

Lauren era finalmente incinta! La donna era talmente sconvolta e incredula che ripeté il due test di gravidanza per altre due volte, prima di riuscire a credere che quanto stava vedendo era vero. La vita della coppia Perkins sarebbe davvero cambiata e in positivo. Lauren non stava nella pelle per la felicità.

17. Le paure non sono ancora finite

Bild: kitzcorner / Shutterstock.com

Finalmente il grande sogno di Lauren e David sembrava stesse per divenire realtà, i timori e le insicurezze sembravano ormai un lontano ricordo, l’esistenza sorrideva ai due giovani che, fin da principio, modificarono le loro abitudini al fine di consentire uno sviluppo della gravidanza più sano e più naturale possibile. Fu durante uno dei primi controlli di routine fissati alla donna che i timori tornarono però a far visita ai Perkins: l’infermiera disse loro che i valori ormonali erano eccessivamente alti per la fase della gravidanza nella quale Lauren si trovava.

Le cause di questa anomalia potevano essere le più svariate: una falsa gravidanza, una gravidanza molare o diverse patologie neonatali. La coppia si trovò nuovamente in un vortice di paure e di ansie.

18. Strani presentimenti

Bild: Mercury Green / Shutterstock.com

Dopo giorni di timori e di incertezze, David e Lauren non sapevano davvero cosa aspettarsi dalla visita medica che avrebbe loro chiarito cosa stava accadendo al bambino che la donna portava in grembo. Lo stupore dei Perkins, quando l’ecografia rivelò loro la probabile causa del livello ormonale alterato, fu immenso.

Solo dopo aver eseguito l’ecografia a ultrasuoni, il medico comprese che Lauren non era in attesa di un solo bambino, bensì di più di uno. Questa giovane coppia aveva atteso tanto un nuovo figlio, ma ora ne avrebbe avuto più di uno con una sola gravidanza. Che emozione! Ora dovevano solo informare la famiglia e gli amici che aspettavano con il fiato sospeso di conoscere l’esito di quella visita.

19. La buona nuova

Bild: 10 FACE / Shutterstock.com

A volte  il timore delle coppie alla loro prima gravidanza è quello di ritrovarsi incapaci di essere dei buoni genitori. Spesso queste paure vengono ingigantite, i buoni consigli di parente e amici pongono i giovani progenitori in uno stato di ansia e l’idea del compito che li attende assume sembianze spaventose, ma questo non valeva per i Perkins. 

Lauren e David avevano atteso per così tanto tempo il momento di poter allargare la famiglia, che provavano soltanto felicità nel sapere che stavano attendendo più di un bambino. Si sentivano in grado di dare tanto amore e questo sarebbe bastato per tutti i figli che avrebbero avuto.

20 Dubbi e incertezze

Arrivò,infine, il giorno della visita medica che avrebbe dato alla giovane coppia la certezza sul numero esatto di bambini che Lauren stava portando in grembo. Il medico li aveva convocati per una ulteriore visita. In questa sede avrebbe potuto comunicare ai futuri genitori non soltanto il numero, ma anche il sesso dei nascituri: si stava annunciando una giornata decisamente emozionante per i Perkins. 

Dopo quella visita ginecologica, la vita di questa famiglia in espansione sarebbe davvero cambiata per sempre. Però Lauren e David ancora non potevano immaginare quanto. Prima di recarsi allo studio del medico, la donna si sentì improvvisamente ansiosa e insicura, come se sentisse che qualcosa non sarebbe andato per il verso giusto.

21. Una giornata decisiva

Bild: Nuttapol Sn / Shutterstock.com

Lauren era molto nervosa, quando entrò nella stanza del medico che la attendeva. Cosa avrebbe rivelato l’ecografia? Sperando di non avere brutte sorprese, lasciò che lo specialista iniziasse con l’esecuzione dell’esame che avrebbe dovuto dissolvere i suoi dubbi. Da principio il medico rassicurò gli ansiosi genitori: la gravidanza sembrava procedere al meglio.

Lauren e David non fecero però in tempo a tirare un sospiro di sollievo che l’espressione sul volto del medico cambiò radicalmente. Immediatamente i Perkins chiesero spiegazioni sulla ragione che aveva determinato quel cambiamento nell’espressione dello specialista. Se anche apparentemente sconcertato, il medico spiegò ai due giovani sposi cosa aveva rivelato l’ecografia.

22. Conta e riconta

Bild: Blue Planet Studio / Shutterstock.com

Laura e David rimasero senza parola quando ascoltarono  la risposta del medico: non stavano aspettando due gemelli, come pensavano, bensì il dottore, durante l’esame a ultrasuoni, aveva contato ben cinque embrioni. Anzi, sei, si corresse subito dopo.

Sembrava proprio che le preghiere dei due giovani fossero state esaudite abbondantemente. Inutile aggiungere che Laura e David erano oltremodo sorpresi dalla notizia di aspettare ben sei pargoli. Per qualche minuto a entrambi mancò il fiato, mentre le domande e i pensieri si rincorrevano. Chissà come avrebbero reagito i loro genitori all’annuncio che, entro breve, si sarebbero ritrovati a essere i nonni di una mezza dozzina di nipoti?

23. Molto entusiasmo e un pizzico di follia

Bild: George Rudy / Shutterstock.com

Ai giovani non ci volle molto tempo per riprendersi dallo shock, e lo sconcerto cedette subito il posto alla gioia. Dopo pochi minuti, stavano già facendo programmi per la loro futura famiglia numerosissima. 

La vita era entusiasmante e un po’ folle: mentre, fino a pochi mesi prima, non sapevano se sarebbero mai riusciti a concepire un figlio, ora erano lì a fare progetti per una famiglia non di tre, bensì di otto persone. Più un cane. Chiaramente l’entusiasmo della coppia era accompagnato, come successivamente Lauren racconterà, anche da un pizzico di paura per quel che li stava aspettando. Ma dubbi, quelli, no, non ne avevano. Volevano fortemente quei bambini. 

24. Scegliere senza esitazioni

Nonostante il medico li avesse informati che la gravidanza sarebbe stata a rischio proprio a causa del numero elevato di feti, Lauren, di comune accordo con il marito , aveva deciso di portarla avanti. Non avrebbe mai potuto prendere in considerazione quella che si chiama riduzione selettiva.

Una volta presa questa decisione senza esitazioni e averla comunicato al medico, questo aveva promesso ai Perkins che avrebbe cercato di fare tutto quanto era nelle sue possibilità, affinché la gravidanza procedesse nel migliore dei modi. A questo punto rimaneva solo da avvisare i parenti. Questi, come era loro consuetudine, non mancarono nel dare appoggio e aiuto alla giovane coppia. 

25. Il grande giorno

Dopo una gravidanza sicuramente non facile ma senza grandi problemi clinici, finalmente, il 23 aprile del 2012, alle 10:26, i gemellini hanno visto la luce. Si è trattato di tre femmine e tre maschietti che pesavano, al momento della nascita, tra poco più di 700 gr e 1300 gr. Lo straordinario evento della loro nascita è stato seguito da ben 35 medici del Texas Chidren Pavilion for Women.

I giovanissimi Perkins (Benjamin Luke, Leah Michelle, Andrew Noah, Allison Kate, Levi Thomas e Caroline Grace), nati un mese e mezzo prima della data presunta del parto, sono stati messi immediatamente in incubatrice. Papà David e mamma Lauren hanno però dovuto attendere quattro giorni per stringerli a sé e dare loro il benvenuto. La famiglia finalmente era al completo!